Confronto dei trattamenti su scala reale con ferro zerovalente nanoscopico

Tipo di pubblicazione: Articolo su rivista
Tipologia MIUR: Contributo su Rivista > Articolo in rivista
Titolo: Confronto dei trattamenti su scala reale con ferro zerovalente nanoscopico
Autori: Comba S; Sethi R.; Di Molfetta A
Autori di ateneo:
Titolo del periodico: GEAM. GEOINGEGNERIA AMBIENTALE E MINERARIA
Tipo di referee: Esperti anonimi
Editore: Associazione Georisorse e Ambiente
Volume: 3
Intervallo pagine: pp. 57-67
Numero di pagine: 11
ISSN: 1121-9041
Abstract: L'utilizzo del ferro nanoscopisco zerovalente (NZI) per la bonifica di acquiferi contaminati è stato proposto più di 10 anni fa, ma le applicazioni sono ancora poco numerose nonostante si sia raggiunta una buona conoscenza teorica ed esista una notevole richiesta di mercato. Dato che una delle ragioni principali del limitato sviluppo è la difficoltà dell'applicazione, in questo studio si analizzano le poche sperimentazioni su scala reale ad oggi documentate allo scopo di sistematizzare le informazioni scaturite da tali esperienze. Lo studio comprende anche dei casi di utilizzo di ferro di dimensioni maggiori come quello millimetrico. Dal confronto risulta che la nuova tecnologia non va a sostituire quella più tradizionale del ferro granulare, ma le si affianca in quanto quest'ultima rimane competitiva in determinati casi. Uno di questi è il trattamento di sorgenti localizzate con precisione: in questi casi la minor reattività dovuta alla minore superficie specifica del ferro granulare è compensata dal miglior contatto tra ferro e inquinante ottenuto dalla diversa modalità di introduzione del ferro nel mezzo poroso. Il NZVI ha tuttavia delle caratteristiche peculiari che lo distinguono nettamente dai materiali di dimensioni maggiori e che, in determinati casi, lo rendono superiore. La principale peculiarità è l'elevata reattività che riduce i tempi di bonifica, ma che comporta il rischio di una passivazione ad opera di elementi diversi dal DNAPL. La seconda peculiarità è la mobilità in falda. Questa caratteristica non ancora ben conosciuta, può essere sfruttata, ad esempio, per raggiungere porzioni di DNAPL non ben individuate, ma può anche dar luogo a migrazioni indesiderate del ferro iniettato
Data: 2007
Status: Pubblicato
Lingua della pubblicazione: Italiano
Parole chiave:
Dipartimenti (originale): DITAG - Ingegneria del Territorio, dell'Ambiente e delle Geotecnologie
Dipartimenti: DIATI - Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture
URL correlate:
Area disciplinare: Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > IDROCARBURI E FLUIDI DEL SOTTOSUOLO
Data di deposito: 13 Set 2016 18:34
Data ultima modifica (IRIS): 13 Set 2016 16:34:18
Data inserimento (PORTO): 15 Set 2016 04:37
Permalink: http://porto.polito.it/id/eprint/1642361
Link resolver URL: Link resolver link
Citazioni:

Il campo presenta il numero di citazioni presenti sulle banche dati Scopus e Web of Science e permette di accedere ai relativi record. Visualizza inoltre il link al record presente su Google Scholar.

Possono verificarsi discrepanze rispetto ai dati presenti sulle banche dati per i seguenti motivi:

  • Differenze tra i dati riportati su IRIS e quelli presenti nelle banche dati.
  • Il numero di citazioni riportate su PORTO viene estratto mensilmente. Il dato citazionale presente sulle singole banche dati è aggiornato in tempo reale
  • Il numero di citazioni per WoS viene calcolato sulla base delle collezioni in abbonamento (Science citation index Expanded e Conference Proceedings Citation Index)

Per informazioni o segnalazioni contattare scrivia/porto

+
-

Allegati

[img] PDF (2007_06_A_f_Comba_ridotto.pdf) - Postprint
Accesso al documento: Non visibile (accessibile solo al proprietario del dato)
Licenza: Non pubblico - Accesso privato / Ristretto.

Download (9Mb (9738186 bytes)) | Spedisci una richiesta all'autore per una copia del documento

Azioni (richiesto il login)

Visualizza il documento (riservato amministratori) Visualizza il documento (riservato amministratori)