La registrazione EMAS del Parco naturale di interesse provinciale del Lago di Candia e del Parco Locale di Interesse Sovracomunale Lago di Endine

Tipo di pubblicazione: Articolo su rivista
Tipologia MIUR: Contributo su Rivista > Articolo in rivista
Titolo: La registrazione EMAS del Parco naturale di interesse provinciale del Lago di Candia e del Parco Locale di Interesse Sovracomunale Lago di Endine
Autori: Quaglino A.; Comoglio C.; Botta S.; Nota A.; Torchia A.
Autori di ateneo:
Titolo del periodico: GEAM. GEOINGEGNERIA AMBIENTALE E MINERARIA
Tipo di referee: Tipo non specificato
Editore: Patron
Volume: 1
Intervallo pagine: pp. 95-104
Numero di pagine: 10
ISSN: 1121-9041
Abstract: La Comunità Europea con il Regolamento CE n.761/2001 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 marzo 2001 ha proposto lo schema di ecogestione ed audit denominato EMAS come nuovo strumento operativo per perseguire le politiche comunitarie indirizzate alla tutela ed alla salvaguardia dell'ambiente ed allo sviluppo sostenibile. Al Regolamento EMAS può aderire volontariamente qualsiasi organizzazione che intenda valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e fornire al pubblico ed a tutti i soggetti interessati, con un approccio di trasparenza e collaborazione, informazioni pertinenti e convalidate. Il Regolamento EMAS, ideato in prima istanza per l'esclusiva applicazione al solo comparto industriale (Reg. CE n.1836/93), può dal 2001 essere esteso, in analogia al campo di applicazione della norma internazionale ISO 14001, anche in ambito territoriale: se nel primo caso la finalità principale consisteva nel valutare, prevenire e mitigare le ricadute ambientali di processi produttivi spesso impattanti, nel caso di un Ente che ha compiti di gestione e pianificazione del territorio (Comuni, Enti Parco, Comunità Montane, etc.) l'adesione ad EMAS significa invece dotarsi di adeguati elementi e strumenti conoscitivi ed organizzativi per ottimizzare e controllare le attività che possono avere influenze dirette od indirette sull'ambiente e, grazie al coinvolgimento di tutti i soggetti, istituzionali e non, aventi competenze o interessi sul territorio, per perseguire la tutela delle risorse naturali e delle componenti ambientali maggiormente sensibili compatibilmente con le attività antropiche e lo sviluppo socioeconomico locale. Un tale approccio appare particolarmente valido per gli Enti gestori delle aree naturali protette i quali, d'altronde, sono invitati dall'articolo 1 delle Legge n.394 del 6 dicembre 1991 (Legge quadro sulle aree protette) ad applicare "metodi di gestione o di restauro ambientale idonei a realizzare un'integrazione tra uomo e ambiente naturale, anche mediante la salvaguardia dei valori antropologici, archeologici, storici e architettonici e delle attività agro-silvo-pastorali e tradizionali". La prima esperienza in Europa in tal senso è stata condotta nell'ambito di un innovativo progetto di ricerca svolto dal Settore Ecologia Applicata del Politecnico di Torino che ha consentito l'implementazione di un sistema di gestione ambientale presso il Parco Naturale del Mont Avic (AO), che nel maggio 2003 è divenuto il primo Ente Parco a livello comunitario ad aver conseguito la registrazione EMAS. In ambito italiano si sono successivamente registrati EMAS nel 2004 il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi e la Riserva Naturale Marina di Miramare, nel 2006 il Parco Naturale Adamello Brenta ed il Parco Fluviale del Po e dell'Orba ed infine, nel 2007 la Riserva Naturale Monte Rumeno ed il Parco Nazionale del Gargano. Nell'ambito del Progetto LIFE TRELAGHI si è proceduto alla progettazione ed attuazione di un sistema di gestione ambientale conforme ai requisiti del Regolamento EMAS e della norma ISO 14001 presso il Parco naturale di interesse provinciale del Lago di Candia e del Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) Lago di Endine. Tale attività riveste un particolare interesse in quanto si tratta di aree protette caratterizzate da forme di gestione particolari e sinora mai considerate per quanto all'applicazione di sistemi di gestione ambientale (il Lago di Candia è stato la prima esperienza pilota di parco provinciale in Italia, mentre i PLIS rappresentano una nuova forma di gestione sviluppata in Regione Lombardia e basata su una Convenzione tra più Comuni), ed anche per l'oggetto fondamentale della tutela operata dai due enti, ossia i bacini lacustri di Candia ed Endine. Di seguito vengono sinteticamente discussi i principali aspetti metodologici ed applicativi sviluppati nell'ambito dell'analisi dei due casi studio in esame.
Data: 2007
Status: Pubblicato
Lingua della pubblicazione: Italiano
Parole chiave: iso 14001, emas, aree protette
Dipartimenti (originale): DITAG - Ingegneria del Territorio, dell'Ambiente e delle Geotecnologie
Dipartimenti: DIATI - Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture
URL correlate:
    Area disciplinare: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE
    Data di deposito: 18 Apr 2008 12:45
    Data ultima modifica (IRIS): 19 Mag 2017 15:18:41
    Data inserimento (PORTO): 21 Mag 2017 02:01
    Permalink: http://porto.polito.it/id/eprint/1770518
    Link resolver URL: Link resolver link
    Citazioni:

    Il campo presenta il numero di citazioni presenti sulle banche dati Scopus e Web of Science e permette di accedere ai relativi record. Visualizza inoltre il link al record presente su Google Scholar.

    Possono verificarsi discrepanze rispetto ai dati presenti sulle banche dati per i seguenti motivi:

    • Differenze tra i dati riportati su IRIS e quelli presenti nelle banche dati.
    • Il numero di citazioni riportate su PORTO viene estratto mensilmente. Il dato citazionale presente sulle singole banche dati è aggiornato in tempo reale
    • Il numero di citazioni per WoS viene calcolato sulla base delle collezioni in abbonamento (Science citation index Expanded e Conference Proceedings Citation Index)

    Per informazioni o segnalazioni contattare scrivia/porto

    +
    -

    Allegati

    [img] PDF (geam_2007.pdf) - Postprint
    Accesso al documento: Non visibile (accessibile solo al proprietario del dato)
    Licenza: Non pubblico - Accesso privato / Ristretto.

    Download (8Mb (8959930 bytes)) | Spedisci una richiesta all'autore per una copia del documento

    Azioni (richiesto il login)

    Visualizza il documento (riservato amministratori) Visualizza il documento (riservato amministratori)