Gestione del rischio nei beni culturali. Analisi e valutazioni preliminari alla compilazione del Disaster Risk Management Plan

Tipo di pubblicazione: Articolo su rivista
Tipologia MIUR: Contributo su Rivista > Articolo in rivista
Titolo: Gestione del rischio nei beni culturali. Analisi e valutazioni preliminari alla compilazione del Disaster Risk Management Plan
Autori: Mussini P.
Autori di ateneo:
Titolo del periodico: GEAM. GEOINGEGNERIA AMBIENTALE E MINERARIA
Tipo di referee: Tipo non specificato
Editore: PÀTRON EDITORE
Volume: 137
Intervallo pagine: pp. 31-42
Numero di pagine: 12
ISSN: 1121-9041
Abstract: Il patrimonio si trova per sua stessa natura in una condizione di elevato degrado potenziale sia per opera di eventi catastrofici occasionali, sia di fenomeni ad azione continuativa nel tempo che hanno conseguenze distruttive su di esso. Per realizzare pienamente l'attività di tutela nei confronti dei beni culturali è dunque di primaria importanza individuare quali siano gli agenti aggressivi la cui azione ne mette a rischio la conservazione, per contenerli, ridurli e, quando possibile, annullarli. Sebbene l'interesse nei confronti della preparazione ai disastri venga rinnovato puntualmente dopo il verificarsi di ogni catastrofe, finora molto poco è stato stabilito a livello formale per il patrimonio culturale, che viene raramente menzionato nei piani di emergenza territoriale e che risulta ancora privo di una vera e propria strategia di intervento condivisa a livello internazionale. Nonostante la mancanza di linee di indirizzo precise e riconosciute, molti studi recenti hanno approcciato l'argo- mento, proponendo l'impiego di strumenti innovativi per il rilievo e l'analisi dei rischi e degli impatti insistenti sui beni culturali. Il tema della gestione del rischio nei beni culturali ha negli ultimi anni assunto sempre maggior importanza nel dibattito scientifico internazionale. Primo fra tutti l'UNESCO, si è impegnato nella formulazione di linee guida e raccomandazioni per garantire una tutela reale ed attiva nei confronti dei siti iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale e di una metodologia di intervento, denominata Disaster Risk Management Cycle. I principi chiave di questa metodologia sono: - la prevenzione o riduzione degli impatti che i disastri possono provocare sui beni culturali, sul territorio circostante e sulla popolazione, nell'ottica metodologica della conservazione preventiva; - la conservazione del valore universale (OUV - Outstanding Universal Value) che ne ha giustifi- cato l'iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale; - lo studio dei fattori che possono incrementare la vulnerabilità intrinseca del sito e di strategie per la sua riduzione; - l'analisi dell'adeguatezza delle misure di protezione in atto (come ad esempio, nel caso di Beni iscritti nella Lista dell'UNESCO, la buffer zone). Risultato finale di questa strategia di inter vento, è la redazione del cosiddetto DRMP (Disaster Risk Management Plan), uno strumento essenziale per fornire una guida chiara, flessibile e pratica ai gestori del sito. Il contenuto del piano non deve consistere di una mera lista di azioni da eseguire, ma deve piuttosto descrivere un processo articolato e sfaccettato, per affrontare diversi possibili scenari, he le autorità competenti devono seguire nello stabilire e implementare le azioni di intervento più adatte. È perciò importante focalizzare precisamente gli obiettivi, gli attori a cui il piano è rivolto, le agenzie che si dovranno occupare della sua attuazione.
Data: 2012
Status: Pubblicato
Lingua della pubblicazione: Italiano
Parole chiave: patrimonio culturale, unesco, rischio, monitoraggio, immagini satellitari, remote sensing, gestione dei rischi, catarofi, drmp, emergenza, territorio, vulnerabilità
Dipartimenti (originale): DIST - Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio
Dipartimenti: NON SPECIFICATO
URL correlate:
    Area disciplinare: Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > CHIMICA INDUSTRIALE E TECNOLOGICA
    Data di deposito: 12 Mar 2014 11:36
    Data ultima modifica (IRIS): 19 Mag 2017 15:18:41
    Data inserimento (PORTO): 21 Mag 2017 02:06
    Permalink: http://porto.polito.it/id/eprint/2535104
    Link resolver URL: Link resolver link
    Citazioni:

    Il campo presenta il numero di citazioni presenti sulle banche dati Scopus e Web of Science e permette di accedere ai relativi record. Visualizza inoltre il link al record presente su Google Scholar.

    Possono verificarsi discrepanze rispetto ai dati presenti sulle banche dati per i seguenti motivi:

    • Differenze tra i dati riportati su IRIS e quelli presenti nelle banche dati.
    • Il numero di citazioni riportate su PORTO viene estratto mensilmente. Il dato citazionale presente sulle singole banche dati è aggiornato in tempo reale
    • Il numero di citazioni per WoS viene calcolato sulla base delle collezioni in abbonamento (Science citation index Expanded e Conference Proceedings Citation Index)

    Per informazioni o segnalazioni contattare scrivia/porto

    +
    -

    Allegati

    [img] PDF (GEAM_137_mussini.pdf) - Preprint
    Accesso al documento: Non visibile (accessibile solo al proprietario del dato)
    Licenza: Non pubblico - Accesso privato / Ristretto.

    Download (744Kb (762127 bytes)) | Spedisci una richiesta all'autore per una copia del documento

    Azioni (richiesto il login)

    Visualizza il documento (riservato amministratori) Visualizza il documento (riservato amministratori)