Determining Hydrological and Soil Mechanical Parameters from Multichannel Surface Wave Analysis across the Alpine Fault at Inchbonnie, New Zealand

Il contenuto (Full text) non è disponibile all'interno di questo archivio. Spedisci una richiesta all'autore per una copia del documento
Tipo di pubblicazione: Articolo su rivista
Tipologia MIUR: Contributo su Rivista > Articolo in rivista
Titolo: Determining Hydrological and Soil Mechanical Parameters from Multichannel Surface Wave Analysis across the Alpine Fault at Inchbonnie, New Zealand
Autori: Konstantaki; L.A.; S. Carpentier; F. Garofalo; P. Bergamo; L.V. Socco
Autori di ateneo:
Titolo del periodico: NEAR SURFACE GEOPHYSICS
Tipo di referee: Esperti anonimi
Editore: EAGE - European Association of Geoscientists and Engineers
Volume: 11
Numero: 4
Intervallo pagine: pp. 435-448
Numero di pagine: 14
ISSN: 1569-4445
Abstract: Combining S-wave data, resulting from surface-wave dispersion analysis with P-wave tomographic data, is a valuable tool to improve the understanding of near-surface soil properties and allows the estimation of soil mechanical parameters and the determination of the depth of a water table. To achieve this combination of methods in a complex fault zone setting, active-source seismic data were acquired at Inchbonnie, New Zealand across the Alpine Fault. This is a major transpressional strike-slip fault that has generated magnitude > 7.8 earthquakes in the past. In this study, we focus on the surface-wave component of these data, to determine elastic parameters for the shallow (~60 m) subsurface as well as the depth of the water table. We achieve this by combining S-wave velocity models from surface-wave dispersion curve inversion and P-wave velocity models obtained from traveltime tomographic inversion in a previous study. The surface-wave dispersion curve inversion is done by means of a laterally constrained inversion algorithm. As a result, we are able to obtain elastic parameters and map the water table and the geology around the Alpine Fault at Inchbonnie, New Zealand. The Alpine Fault itself appears as a relatively sharp lateral discontinuity in all investigated parameters
Data: 2013
Status: Pubblicato
Lingua della pubblicazione: Inglese
Parole chiave: fault detection, site characterization, surface waves
Dipartimenti (originale): DIATI - Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture
Dipartimenti: DIATI - Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture
URL correlate:
    Area disciplinare: Area 04 - Scienze della terra > GEOFISICA APPLICATA
    Data di deposito: 04 Mag 2014 12:20
    Data ultima modifica (IRIS): 18 Apr 2016 14:24:39
    Data inserimento (PORTO): 20 Apr 2016 07:06
    Numero Identificativo (DOI): 10.3997/1873-0604.2013019
    Permalink: http://porto.polito.it/id/eprint/2543127
    Link resolver URL: Link resolver link
    Citazioni:

    Il campo presenta il numero di citazioni presenti sulle banche dati Scopus e Web of Science e permette di accedere ai relativi record. Visualizza inoltre il link al record presente su Google Scholar.

    Possono verificarsi discrepanze rispetto ai dati presenti sulle banche dati per i seguenti motivi:

    • Differenze tra i dati riportati su IRIS e quelli presenti nelle banche dati.
    • Il numero di citazioni riportate su PORTO viene estratto mensilmente. Il dato citazionale presente sulle singole banche dati è aggiornato in tempo reale
    • Il numero di citazioni per WoS viene calcolato sulla base delle collezioni in abbonamento (Science citation index Expanded e Conference Proceedings Citation Index)

    Per informazioni o segnalazioni contattare scrivia/porto

    +
    -

    Azioni (richiesto il login)

    Visualizza il documento (riservato amministratori) Visualizza il documento (riservato amministratori)